L' Oroscopo Cinese









~ Topo ~


~ Bufalo ~


~ Tigre ~


~ Coniglio ~


~ Drago ~


~ Serpente ~


~ Cavallo ~


~ Capra ~


~ Scimmia ~


~ Gallo ~


~ Cane ~


~ Cinghiale ~

Home

 

   La "leggenda"    

Esistono diverse leggende che raccontano l'origine dello zodiaco cinese, che è formato nell'ordine da Topo, Bufalo, Tigre, Coniglio, Drago, Serpente, Cavallo, Capra, Scimmia, Gallo, Cane e Maiale.

Secondo una leggenda il Buddha, nel presentimento della sua fine sulla Terra, chiamò a raccolta tutti gli animali della terra, ma solo 12 andarono ad offrire il loro saluto. Come premio per la loro fedeltà il Buddha decise di chiamare ogni anno del ciclo lunare con il nome di ciascuno dei 12 animali accorsi.

Il topo, furbo e veloce di natura, arrivò per primo. Il diligente bufalo arrivò secondo, seguito dall'intrepida tigre e dal pacifico coniglio. Il drago arrivò quinto seguito subito dal suo fratello minore, il serpente. L'atletico cavallo fu settimo e l'elegante capra ottava, subito dopo arrivò l'astuta scimmia, e poi ancora il coloratissimo gallo, il fedele cane per poi finire con il fortunato maiale che arrivò appena in tempo per salutare il Buddha.

La leggenda spiega anche come mai il piccolo e furbo topo riuscì a battere il grande e onesto bue. Arrampicandosi sul suo dorso il topo evitò di percorrere la strada e giunto sul luogo saltò il bue e salutò il Buddha. Questa leggenda deriva probabilmente dall'incontro tra il buddhismo e le tradizioni cinesi.

In un'altra leggenda, l'Imperatore di Giada, sovrano del Cielo e della terra, decise di visitare la Terra personalmente. Si stupì nell'ammirare le creature terrestri. Decise di prenderne dodici, da portare al Cielo, per mostrarle agli esseri divini. Gli animali che portò via furono: un topo, un toro, una tigre, un coniglio, un drago, un serpente, un cavallo, una capra, una scimmia, un gallo, un cane e un maiale. Il gatto, il più bello degli animali, chiese al topo di informarlo il giorno in cui l'Imperatore di Giada sarebbe venuto a prenderli. Ma il topo, geloso della bellezza del gatto, non lo informò. Conseguentemente, il gatto non si presentò all'arrivo dell'Imperatore di Giada, e fu sostituito dal coniglio. L'Imperatore di Giada, affascinato dagli animali, decise di attribuire ad ognuno di essi un anno del calendario. Quando il gatto venne a sapere cosa era successo, si arrabbiò furiosamente con il topo. Così la leggenda spiega anche l'origine dell'inimicizia tra gatti e topi.





I cinque elementi
Acqua   Fuoco   Legno    Metallo   Terra

 

ACQUA: emotivo, sensibile, influenzabile, elastico e versatile, dolce e adattabile, intelligente e studioso.
Dotato di simpatia e senso umoristico, buon lavoratore, la capacità di comunicare è molto elevata.
Compensa la sua mancanza di energia o di volontà con un'intuizione senza pari che lo rende talvolta opportunista.

 

FUOCO: ama l'avventura, le novità, è coraggioso ed entusiasta. Attivo e intraprendente, con attitudine al comando.
Dotato di grande energia che lo può portare al successo, irradia calore umano, generosità e gioia di vivere.

 

LEGNO: gioviale, benevolo, sagace e comprensivo, creativo, generoso e rispettoso.
Dotato di una grande fiducia in se stesso, di tenacia e di buona volontà, oltre che di capacità lavorative.
Grande potere di adattamento, e una naturale socievolezza, è cordiale e amichevole

 

METALLO: forte, molto allegro e affettuoso, senso diplomatico, pacifico, gusto artistico.
Dotato di una grande ambizione e tenacia, non si lascia mai scoraggiare dalle difficoltà.
Il carattere è un pò rigido, duro e inflessibile. Ama il potere e il denaro.

 

TERRA: capacità organizzative, doti di costanza e di metodo e praticità.
Senso di responsabilità e di realtà, fiducioso, industrioso, prudente, fedele, onesto, calcolatore e razionale.
Indole conservatrice e grande volontà.
Attaccamento ai beni materiali e bisogno di rassicurazioni, coraggioso m a incline alle idee fisse